Officine Maccaferri
ITALIA
Paese

Login

Hai perso la password?

Gestione sostenibile del dissesto idrogeologico

wordpress-feature-image-for-news-770x578px-4_3-ratio-18

I progetti a maggiore valenza ambientale del Maccaferri Innovation Center saranno presentati il 23 novembre al NOI Techpark di Bolzano, durante il convegno “Progettare l’assetto idrogeologico”

Il 23 novembre 2017, al NOI Techpark di Bolzano si terrà il convegno “Progettare l’assetto idrogeologico”. L’evento è organizzato dalla Struttura di Missione Italiasicura, dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dall’Agenzia per la Protezione Civile, dall’Ufficio Geologia e Prove materiali della Provincia di Bolzano, dell’Ecosystem Alpine Safety di IDM Alto Adige, con il patrocinio della Libera Universitá di Bolzano.

Il convegno è dedicato a liberi professionisti e tecnici della pubblica amministrazione e prevede 21 seminari di approfondimento e confronto sulle “Linee Guida per le attività di programmazione e progettazione degli interventi per il contrasto del rischio idrogeologico”. Il convegno prevede, inoltre, contributi da parte di professionisti e tecnici del settore che illustreranno l’eccellenza altoatesina in tema di interventi strutturali per la riduzione del rischio idrogeologico.

Tra i relatori, interverrà anche Francesco Ferraiolo, Managing Director del Maccaferri Innovation Center (MIC), il nostro centro di R&D con sede a Bolzano, recentemente trasferitosi proprio al nuovo NOI Techpark. Durante il suo intervento, intitolato “Gestione sostenibile del dissesto idrogeologico: tecnologie e approcci innovativi per una ridotta manutenzione e ripristino della qualità ambientale”, Francesco Ferraiolo presenterà due dei progetti di ricerca attualmente in corso al MIC, marcati da una forte valenza ambientale.

Il primo riguarda lo sviluppo di nuove tipologie di barriere per la protezione dalle colate detritiche (debris flow). Le colate di detriti sono frane liquefatte altamente mobili causate da un eccesso di acqua sulla superficie dei versanti montuosi, in genere proveniente da intense precipitazioni. In genere contengono materiale vario, da particelle fini, a massi e rami di alberi. Se lasciate incontrollate, possono danneggiare aree residenziali e infrastrutture o bloccare corsi d’acqua, portando distruzione. Le nostre opere di mitigazione sono strutture trasversali poste all’interno del percorso previsto per la colata di detriti, spesso in calanchi naturali, canali o impluvi sul versante. Si tratta di sistemi di contenimento capaci di assorbire l’energia della colata e sono composti da reti ad anelli di diverso diametro, dissipatori di energia, funi metalliche e reti metalliche.

Nel nostro centro di ricerca, stiamo portando avanti un progetto in collaborazione con la Provincia di Bolzano e le Università di Bolzano e di Trento, per sviluppare un sistema innovativo di protezione dalle colate detritiche che riduca l’impatto della manutenzione su questo tipo di struttura”, spiega Ferraiolo. E aggiunge: “Dopo ogni evento franoso, le opere devono essere svuotate e rispristinate. Questo ha un costo significativo, soprattutto considerando che queste operazioni avvengono spesso in condizioni disagevoli, in aree remote, difficili da raggiungere. Per questo nel nostro centro prototipi di Bolzano, stiamo mettendo a punto un sistema più efficiente ed economico, che non trattiene tutto il materiale ma solo la parte pericolosa. Può essere, quindi, considerato un sistema autopulente”.

Il nostro obiettivo è sviluppare Green Infrastructures: 

non semplicemente opere idrauliche ma opere di salvaguardia ambientale”

– Francesco Ferraiolo, Managing Director @ Maccaferri Innovation Center

Il secondo progetto ad essere presentato si chiama Wequal e riguarda lo sviluppo di un sistema informativo su piattaforma Web, che permetta di valutare le alternative progettuali negli interventi di sistemazione idraulica, con una particolare attenzione alla qualità ambientale. Il progetto, condotto in collaborazione con l’Università di Bolzano, MAVTech s.r.l. e NaturStudio Soc. Coop, integra le nuove tecnologie per il monitoraggio ambientale, che sfruttano sistemi telecomandati, con tecniche di ingegneria naturalistica e di progettazione del territorio.

Il nostro obiettivo è sviluppare Green Infrastructures”, commenta Ferraiolo, “non semplicemente opere idrauliche ma opere di salvaguardia ambientale. Grazie alle tecnologie innovative a nostra disposizione, siamo in grado di mappare le aree di intervento in maniera facile e immediata. I dati così raccolti ci consentono di valutare la situazione attuale e i vari interventi di sistemazione idraulica possibili a livello progettuale, per scegliere e mettere in atto l’opzione più sostenibile e a maggior valore ecologico”.

Il convegno inizierà alle ore 8:30 nella Sala Seminario 1 del NOI Techpark, in via A. Volta, 13 a Bolzano. Non perdete l’intervento di Francesco Ferraiolo alle 14.50!

Per maggiori informazioni sui nostri progetti di R&D, non esitate a contattarci!

All Rights Reserved © Officine Maccaferri Spa 2018 P.IVA IT 02145540379

Share This