Officine Maccaferri
ITALIA
Paese

Login

Hai perso la password?

L’efficacia delle barriere paramassi per la messa in sicurezza della SP209 in Valnerina

rockfall_valnerina_italy

Il rischio crollo di alcuni tratti della Strada Provinciale che attraversa l’incantevole territorio della Valnerina è stato sventato grazie a barriere di protezione e reti metalliche di ultima generazione

Gli eventi sismici della seconda metà del 2016 hanno messo a repentaglio la stabilità e la sicurezza di alcuni tratti della SP209 in Valnerina. Le barriere paramassi ad alto assorbimento di energia e il sistema Steelgrid® HR50 sono le efficaci soluzioni messe in campo dalla Maccaferri per ripristinare rapidamente la viabilità nell’area interessata.

Tra l’agosto e l’ottobre del 2016, l’area di Amatrice-Norcia-Visso è stata interessata da intensi movimenti tellurici che hanno colpito duramente la popolazione locale, abbattendo edifici, chiese, scuole e aziende, mettendo in ginocchio comunità e sconvolgendo interi centri abitati.

Tra le conseguenze immediate e più gravi di questi eventi, si sono registrati notevoli danni alle infrastrutture e, in particolare, alla rete stradale. Nello specifico, le scosse e i successivi sciami sismici hanno reso ancora più instabili alcuni costoni di roccia già pericolanti che caratterizzano diversi segmenti della Strada Provinciale 209 lungo la Valnerina, provocando crolli e la conseguente ostruzione della carreggiata.

Una minaccia reale, in grado di compromettere la viabilità e le comunicazioni con i siti terremotati, con il pericolo concreto di rallentare le operazioni di soccorso e, di conseguenza, mettere a rischio numerose vite umane. Per evitare questi drammatici esiti è stato necessario agire con rapidità ed efficacia, sfruttando le soluzioni più avanzate in ambito ingegneristico, in grado non solo di porre rimedio alla situazione presente, ma di prevenire dissesti simili in futuro, in caso di nuovi eventi sismici.

Abbiamo operato insieme all’ANAS su un’ampia sezione della SP209, quella compresa tra i km 62+000 e 66+500. Nell’area erano presenti opere di difesa come barriere paramassi plastiche, rigide, o realizzate in lamiera sagomata, del tutto insufficienti a contenere i blocchi rocciosi e soggette a danneggiamenti che ne hanno ulteriormente minato l’efficacia. Per questo motivo sono stati installati quasi 2000 metri lineari di barriere paramassi di nuovissima concezione, ad alto assorbimento energetico. Dove la carreggiata si trovava direttamente ai piedi del costone danneggiato, quindi senza spazio disponibile per la posa di barriere, sono state impiegate reti a doppia torsione e il sistema Steelgrid® HR50, un geocomposito versatile e di facile applicazione, che abbina alle caratteristiche della rete metallica a doppia torsione l’elevata resistenza meccanica tipica delle funi metalliche.

In corrispondenza del km 63+500 era già presente una galleria paramassi artificiale: gli eventi sismici sono stati però deleteri per la sua funzionalità, per cui ne è stata decisa la demolizione. Al suo posto è stato costruito un paramassi in terra rinforzata con il sistema Terramesh Verde, ideale per garantire la totale sicurezza dei veicoli e studiato per armonizzarsi al meglio con le forme e i colori che rendono unica la zona della Valnerina. Infine, per bloccare l’eventuale caduta di massi o detriti rocciosi, sono state installate due barriere debris-flow in un canalone a monte della strada, precisamente al km 64+200: un’ulteriore misura di prevenzione efficace, messa in atto tempestivamente, al fine di contribuire al meglio al ripristino della normalità per quanto riguarda le comunicazioni, le attività produttive e la vita delle comunità lungo il corso del fiume Nera.

Scopri di più su questo progetto e scarica i case history sul primo e secondo tratto dell’intervento.

All Rights Reserved © Officine Maccaferri Spa 2020 P.IVA IT 02145540379

Share This